Sicurezza ed effetti collaterali della Rifampicina nei bambini con infezione tubercolare latente

L'attuale trattamento standard per l’infezione tubercolare latente con isoniazide è stato associato a scarsa aderenza ed effetti tossici. Negli adulti, il trattamento con 4 mesi di rifampicina ha dimostrato di essere più sicuro e di avere tassi di compliance superiori.

In un recente studio multicentrico pubblicato sul NEJM, 844 bambini (<18 anni di età) con infezione tubercolare latente sono stati trattati con 4 mesi di rifampicina o 9 mesi di isoniazide. L'outcome primario era rappresentato da eventi avversi che hanno portato alla sospensione permanente di un farmaco. Gli outcomes secondari erano l'aderenza al trattamento, il profilo degli effetti collaterali e l'efficacia.

Un totale di 360 bambini su 422 (85,3%) nel gruppo rifampicina ha completato la terapia, rispetto a 311 su 407 (76,4%) nel gruppo isoniazide (differenza aggiustata nei tassi di completamento del trattamento, 13,4 punti percentuali; % intervallo di confidenza [CI], da 7.5 a 19.3). Non ci sono state differenze significative tra i gruppi nei tassi di eventi avversi, con meno del 5% dei bambini nei gruppi combinati con eventi avversi di grado 1 o 2 che sono stati considerati possibilmente correlati a un farmaco. La tubercolosi attiva, comprendente 1 caso con resistenza all'isoniazide, è stata diagnosticata in 2 bambini nel gruppo isoniazide durante 542 anni-persona di follow-up, rispetto a nessun caso nel gruppo rifampicina durante 562 anni-persona (differenza in frequenza, -0,37 casi per 100 persone-anno, IC 95%, da -0,88 a 0,14).

Gli autori hanno concluso che tra i bambini di età inferiore ai 18 anni, il trattamento con 4 mesi di rifampicina presentava tassi di sicurezza ed efficacia simili ma un tasso di aderenza migliore rispetto ai 9 mesi di trattamento con isoniazide

Full text: https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa1714284