Gli inibitori delle proteasi anti HIV sono inefficaci verso il COVID-19

Cao B et al. A Trial of Lopinavir–Ritonavir in Adults Hospitalized with Severe Covid-19 NEJM 18marzo 2020 DOI: 10.1056/NEJMoa2001282

Uno studio randomizzato, controllato, ha coinvolto 199 pazienti adulti ospedalizzati con infezione da SARS-CoV-2 e insufficienza respiratoria, con una saturazione di ossigeno uguale o inferiore a 94% in aria o un rapporto Pao2 e Fio2 inferiore a 300 mm Hg. Questi pazienti sono stati randomizzati (1: 1) a ricevere lopinavir-ritonavir (400 mg e 100 mg) due volte al giorno per 14 giorni, oltre alle cure standard o alle sole cure standard. L'end point primario era il tempo tra la randomizzazione e il miglioramento clinico.
Lo studio non ha rilevato differenze tra i trattati con lopinavir-ritonavir rispetto al gruppo con terapia standard (hazard ratio per miglioramento clinico, 1,24; 95% CI da 0,90 a 1,72). La mortalità a 28 giorni era simile (19,2% vs. 25,0%; differenza, -5,8 punti percentuali; IC al 95%, da -17,3 a 5,7). Le percentuali di pazienti con RNA virale rilevabile in vari punti temporali erano simili.
In conclusione negli adulti ospedalizzati con Covid-19 grave, non è stato osservato alcun beneficio dalla aggiunta di un trattamento con lopinavir-ritonavir oltre alle cure standard.