Influenza del risultato della radiografia del torace nella prescrizione di antibiotici per polmonite nei bambini in pronto soccorso

News dalla letteratura

Ottobre 19, 2021

La polmonite acquisita in comunità (Community-acquired pneumonia, CAP) è una causa rilevante di mortalità e morbidità pediatrica.

Essa rappresenta una frequente causa di accesso al pronto soccorso e contribuisce all’utilizzo di servizi medici, tra cui ospedalizzazione, visite in pronto soccorso, terapie antibiotiche. La radiografia (Rx) del torace è stata considerata per lungo tempo il gold standard per la diagnosi di CAP, anche se recentemente è stato ridimensionato questo suo ruolo, a causa di alcune limitazioni (variabilità operatore dipendente, difficoltà nel distinguere tra eziologia batterica e virale, esposizione a radiazioni).
Questo lavoro è un’analisi di studi randomizzati per valutare l’impatto dell’Rx torace sulla decisione di prescrivere antibiotici nei bambini di età da 1 mese a 5 anni con sospetta infezione delle basse vie respiratorie (temperatura ≥38,5°C e sintomi quali tosse, dispnea o tachipnea), presentatisi in pronto soccorso nel periodo compreso tra 1° Gennaio 2016 e 11 Marzo 2018.
Sono stati inclusi 597 bambini (età mediana 17 mesi; 61% maschi). 220/572 (38%) si presentavano in cattive condizioni generali; in 144/595 (24%) si osservava ipossia. Gli antibiotici sono stati prescritti nel 30% dei casi (179/597) ed il 55% (329/597) dei bambini è stato ricoverato. La maggior parte è migliorata in una settimana, ma nel 22% si è osservato un fallimento terapeutico. Il 18% dei soggetti è stato sottoposto a Rx torace, che ha mostrato infiltrati focali o alterazioni diffuse o perilari (76%), oppure è risultato normale (24%).
Con l’analisi multivariata, gli autori hanno mostrato che l’esecuzione di Rx torace è risultata indipendentemente associata alla prescrizione di antibiotici; invece, l’età maggiore, i livelli di PCR e le condizioni generali compromesse sono stati predittori della prescrizione di terapia antibiotica.
Gli autori concludono che la decisione di eseguire una Rx torace è stata associata ad un utilizzo più frequente di antibiotici, indipendentemente dal risultato della stessa; infatti, circa il 50% dei soggetti con Rx torace normale ha ricevuto terapia antibiotica. Essi sottolineano anche che in questa popolazione (soggetti per la maggior parte con quadri non complicati) è stata eseguita una Rx torace, nonostante questa pratica sia sconsigliata in maniera routinaria dalle attuali linee guida.

 

Fonte
van de Maat JS, Garcia Perez D, Driessen GJA, van Wermeskerken AM, Smit FJ, Noordzij JG, Tramper-Stranders G, Obihara CC, Punt J, Moll HA, Oostenbrink R. The influence of chest X-ray results on antibiotic prescription for childhood pneumonia in the emergency department. Eur J Pediatr. 2021 Sep;180(9):2765-2772. doi: 10.1007/s00431-021-03996-2. Epub 2021 Mar 22. PMID: 33754207; PMCID: PMC8346381.

Altre News

C'è un maggior rischio di trasmissione dell'HIV da madre a figlio tra le donne con infezione da HIV perinatale?

Infezione delle vie urinarie: una revisione delle linee guida.

Terapia antibiotica: il punto di vista dei genitori

Infezione da SARS-COV-2 in bambini e neonati: review sistematica.

Linea guida ESCMID-ECMM per diagnosi e trattamento dell’aspergillosi invasiva nei neonati e nei bambini

Piazza Pio XI, 62, 00165 Roma, Italia
Tel: 06.45491195
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P. IVA: 08313330964
C.F.: 96364730588


Copyright © 2021 SITIP. All Rights Reserved.