Skip to main content

Analisi sistematica dell’impatto globale della resistenza antimicrobica nel 2019

News dalla letteratura

Luglio 14, 2023

L’antibiotico resistenza è un fenomeno presente da molto tempo, ma è oggi diventato assai preoccupante.

Una recente ampia analisi ha confermato che la resistenza antimicrobica (l’AMR) è una delle
principali cause di morte in tutto il mondo. L’AMR infatti avrebbe causato nel 2019 1,27 milioni di decessi (pari alla somma dei decessi per HIV, 680.000, e malaria, 627.000).
Del totale di 1.27 milioni di decessi, 929.000 sono stati causati da Escherichia coli, Staphylococcus aureus, Klebsiella pneumoniae, Streptococcus pneumoniae, Acinetobacter baumannii e Pseudomonas aeruginosa. Questo, oltre a ripercuotersi a livello sanitario, comporta un forte impatto anche a livello economico.
Certamente vi sono grandi differenze nelle diverse regioni del mondo: il tasso di mortalità stimato attribuibile all’AMR è circa 5 volte più elevato nell’Africa sub-sahariana (27,3 morti per 100.000) rispetto ai tassi più bassi trovati in Australasia (6,5 morti per 100.000). Secondo i ricercatori, “identificare le strategie che possono funzionare per ridurre il carico dell’AMR
batterica, sia in generale che con interventi mirati e adeguati alle risorse disponibili e alle principali combinazioni patogeno-farmaco nei diversi contesti, è una priorità realmente urgente”.

Murray CJL, Ikuta KS, Sharara F, et al. Global burden of bacterial antimicrobial resistance in 2019: a systematic analysis. Lancet. Published online January 20, 2022.
doi:10.1016/S0140-6736(21)02724-0 

Altre News

Sorveglianza degli eventi avversi nel trattamento delle tubercolosi multi–resistenti: studio di fattibilità.

The Opti-Rif trial: Farmacocinetica e sicurezza della rifampicina ad alte dosi nei bambini con TB

Sono ovunque e sempre i virus la principale causa di polmonite!

Contributo su studio Nature Medicine

Gli antipiretici servono davvero a prevenire le convulsioni febbrili nei bambini?