Skip to main content

Una ampia metanalisi sui fattori di rischio per gravi infezioni delle basse vie o morte da VRS, Influenza e SARS CoV-2 sottolinea l’importanza dei sistemi di profilassi passiva e attiva verso questi virus.

News dalla letteratura

Maggio 16, 2024

Risk Factors for Poor Outcomes in Children Hospitalized With Virus-associated Acute Lower Respiratory Infections: A Systematic Review and Meta-analysis

Trusinska D., Zin S.T., Sandoval E., Homaira N., Shi T.
The Pediatric Infectious Disease Journal 43(5):p 467-476, May 2024. 

L'infezione respiratoria acuta inferiore (ALRI) da virus respiratori è tra le cause più comuni di ospedalizzazione e mortalità nei bambini. Questa recente metanalisi identifica i principali fattori di rischio per un esito negativo nei bambini minori di 5 anni ricoverati con ALRI causata da virus respiratorio sinciziale (RSV), influenza e sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS-CoV-2).

L’analisi ha valutato 30 studi tra il 2011 e 2023 includendo 173.990 bambini con ALRI. I fattori di rischio significativi per ALRI correlati all'RSV sono stati: malattia neurologica (OR: 6,14; CI 95%: 2,39-15,77); sindrome di Down (5,43; 3,02-9,76), malattia polmonare cronica (3,64; 1,31-10,09), stato di immunocompromissione (3,41; 1,85-6,29), prematurità (2,98; 1,93-4,59), cardiopatia congenita (2,80; 1,84-4,24), malattia sottostante (2,45; 1,84-4,24), età <2 mesi (2,29; 1,78-2. 94), età <6 mesi (2,08; 1,81-2,39), coinfezione virale (2,01; 1,27-3,19), basso peso alla nascita (1,88; 1,19-2,95) essere sottopeso (1,80; 1,38-2,35).

Per l'ALRI correlata all'influenza, le condizioni identificate dall'ACIP come condizioni ad alto rischio tra cui malattie cardiovascolari croniche, malattie polmonari croniche, asma, disturbi metabolici, disturbi endocrini, immunosoppressione, terapia con aspirina, emoglobinopatie e malattie renali, sono stati riportati nel modello multivariato - aggiustato per l'età e il regime di assistenza – con degli OR per la ventilazione meccanica e la mortalità rispettivamente di 7,40 (95% CI: 2,90-19,30) e 30,0 (95% CI: 7,40-120,90). Invece per i bambini con condizioni non identificate dall'ACIP rispetto ai coetanei, gli OR per la ventilazione meccanica e la mortalità erano rispettivamente 3,10 (95% CI: 1,20-8,50) e 10,60 (95% CI: 2,60-42,90). Come fattori di rischio per mortalità dovuta all'ALRI associata alla SARS-CoV-2 sono stati identificati nei bambini più piccoli le malattie cardiovascolari (OR: 13,85; 95% CI: 7,80-24,30), l'immunosoppressione (7,02; 3,10-15,50), l'ipertensione (4,81; 3,10-7,30), la malattia renale cronica (4,80; 1,31-17,50) e il diabete (4,41; 2,60-7,30).

In conclusione, la conferma di specifici fattori di rischio che aumentano così tanto i rischi di ALRI e di morte, specie per RSV, devono indurre a promuovere con sempre più determinazione gli interventi di profilassi antinfettiva sia con anticorpi preformati (monoclonali, materni...) sia con le vaccinazioni, la cui importanza nella protezione verso l’influenza e il SARS CoV-2 in questi bambini non è mai sufficientemente sottolineata.

Altre News

Ancora dubbi sull’efficacia delle vaccinazioni?

Il nuovo coronavirus è davvero meno pericoloso per i bambini?

Emergenza morbillo

Cicli di antibiotici alla nascita e successivi: effetti sul microbiota intestinale.

Simulated Identification of Silent COVID-19 Infections Among Children and Estimated Future Infection Rates With Vaccination