L’osteomielite e l’artrite settica rappresentano una delle principali infezioni batteriche in età pediatrica, soprattutto al di sotto dei 5 anni di età. L’incidenza è maggiore nella popolazione pediatrica rispetto a quella adulta con un’incidenza di circa 2-13 casi/100.000 l’anno.
Ad eccezione dei casi diagnosticati tempestivamente e sottoposti a successivo rapido e adeguato trattamento, l’osteomielite può essere una malattia devastante associata ad un alto rischio di sequele. Possibili complicanze sono rappresentate da artrite settica, ascesso subperiostale, piosite, trombosi venosa profonda ma anche disabilità permanente, sepsi e morte.

Dal 1 gennaio al 25 febbraio 2018, sono stati segnalati 1081 casi sospetti e 90 decessi da 18 stati Nigeriani (Anambra, Bauchi, Benue, Delta, Ebonyi, Edo, Ekite, Territorio federale della Capitale, Gombe, Imo, Kogi, Lagos, Nasarawa, Ondo , Osun, Altopiano, Fiumi e Taraba). Durante questo periodo, 317 casi sono stati classificati come confermati e otto come probabili, compresi 72 decessi (tasso di mortalità per casi confermati e probabili = 22%). Un totale di 2845 contatti sono stati identificati in 18 stati.

Il vaccino antinfluenzale non è previsto per i lattanti di età <6 mesi, nonostante siano ad alto rischio di gravi complicanze correlate all'influenza.

È stato condotto uno studio prospettico di coorte su 3441 bambini nati negli ospedali partecipanti prima della stagione influenzale 2013-2014. Al momento del reclutamento, le loro madri hanno compilato un questionario sullo stato di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2013-2014. Un sondaggio di follow-up è stato condotto dopo la fine della stagione 2013-2014 per raccogliere informazioni sulla diagnosi dell'influenza e l'ospedalizzazione tra i bambini.

Il Ceftaroline è una nuova cefalosporina di V generazione per il trattamento di infezioni di cute e tessuti molli causate da Stahylococcus aureus meticillino-resitenti e da polmoniti batteriche acquisite in comunità causate da Streptococcus pneumoniae e da altri batteri gram positivi multiresistenti recentemente approvata da FDA ed EMA dai due mesi di vita in poi.

I bambini di età inferiore ai 5 anni hanno un maggior rischio di progressione da infezione da tubercolosi latente (LTBI) a malattia attiva. Il regime terapeutico maggiormente utilizzato in età pediatrica consiste nella somministrazione giornaliera di isoniazide per 9 mesi (9H), protocollo che può creare problemi di compliance alla terapia nei bambini più piccoli o in famiglie che vivono in situazioni socio-ambientali sfavorevoli.

Una revisione sistematica e metanalisi pubblicata recentemente su Pediatrics (Hewitt IK et al. 2017) ha mostrato che non ci sono evidenze sull’utilizzo della profilassi antibiotica nel prevenire il danno renale dopo una prima o seconda infezione delle vie urinarie nei bambini con reflusso vescico-ureterale (RVU) e non.
Sono stati inclusi sette trial randomizzati controllati per un totale di 1427 bambini ed è stata condotta un’analisi a parte per un sottogruppo di pazienti con RVU (1004 bambini). Entrambe le metanalsi non hanno mostrato differenze significative nell’insorgenza di danno renale nei bambini che avevano effettuato la profillassi antibiotica rispetto a chi non l’aveva effettuata (pooled RR, 0.83; 95% CI, 0.55–1.26 [tutti i bambini]; RR, 0.82; 95% CI 0.51–1.31 [bambini con RVU].

La resistenza agli antibiotici è un problema crescente e preoccupante se viene stimato che possa causare - nel 2050 - 10 milioni di morti all’anno, più dei morti per cancro.
Una review su Nature medicine analizza le cause e i possibili rimedi: tra questi l’uso profilattico dei vaccini antibatterici che prevenendo le infezioni riducono la necessità di prescrizione antibiotica e ne riducono la pressione selettiva che sta alla base dell’antibiotico-resistenza
L’articolo analizza diversi vaccini riportando le dimostrazioni come la protezione immunitaria riduca le resistenze, come già dimostrato per l’Haemophylus influenzae e lo Strptococcus pneumoniae. Anche per i vaccini antivirali è dimostrato un effetto di prevenzione delle resistenze, per la netta riduzione dell infezioni batteriche, come nel caso dell’influenza.

Si è chiuso il congresso nazionale 2017.

Potete scaricare i dati del congresso appena svolto a questo link: Dati at a glance 2017 

 

Scatti del Congresso

152
102

Il morbillo è una malattia acuta virale prevenibile con vaccino. Nonostante la disponibilità di un vaccino sicuro ed efficace già dal 1963, il morbillo è ancora oggi una delle principali cause di morte in età pediatrica nel mondo. Nel 2014, sono stati registrati oltre 100.000 decessi a livello mondiale, per lo più in bambini al di sotto dei cinque anni.

Studio sul Morbillo 2017

 

Dr. Andrea Lo Vecchio
Università di Napoli Federico II, Via Pansini 5, 80131 Napoli
Tel: 081.7464232 Cell. 339.5995538
Mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il 27 febbraio 2017 l’OMS ha emanato un documento contenente la lista dei “patogeni prioritari”: si tratta cioè dei germi antibiotico-resistenti per i quali si ritiene più urgente la promozione della ricerca e dello sviluppo di nuovi ed efficaci antibiotici. L’antibiotico-resistenza è, infatti, un fenomeno in drastico aumento e progressivamente si stanno esaurendo le opzioni di trattamento disponibili.
La lista è divisa in tre categorie a seconda della priorità: critica, alta e media.
La principale novità è rappresentata dal fatto che il gruppo con livello di priorità 1 (critica) è costituito esclusivamente da batteri Gram-negativi, più frequentemente associati ad infezioni correlate all’assistenza sanitaria e alla presenza di devices. Esso include Acinetobacter baumanii resistente ai carbapenemi, Pseudomonas aeruginosa resistente ai carbapenemi, Enterobacteriaceae resistenti ai carbapenemi e alle cefalosporine di 3°generazione.
Il gruppo a priorità 2 (alta) comprende Enterococcus faecium vancomicino-resistente, Staphylococcus aureus meticillino-resistente o vancomicino-intermedio/resistente, Helicobacter pylori resistente a claritromicina, Campylobacter spp. resistente ai fluorochinoloni, Salmonellae resistenti ai fluorochinoloni, Neisseria gonorrhoeae resistente a cefalosporine/fluorochinoloni.
Infine, il gruppo 3 (priorità media) include Streptococcus pneumoniae non sensibile alle penicilline, Haemophilus influenzae resistente ad ampicillina e Shigella spp. resistente ai fluorochinoloni.

Il link per scaricare il documento completo in pdf è il seguente: http://www.who.int/medicines/publications/WHO-PPL-Short_Summary_25Feb-ET_NM_WHO.pdf?ua=1