Terapia di prima linea nelle MIS-C. IVIG, cortisone o entrambi?

News dalla letteratura

Agosto 04, 2021

La rilevanza della MIS-C (Multisystem Inflammatory Syndrome in Children) in ambito pediatrico si è resa ben evidente dai primi mesi dopo l’inizio della pandemia.

Questa severa sindrome, che segue dalle 2 alle 6 settimane l’infezione da SARS-CoV-2, si manifesta con febbre persistente e sintomi non specifici quali dolore addominale, vomito, cefalea, iperemia congiuntivale ed un rash cutaneo “Kawasaki-like” con potenziale evoluzione verso l’insufficienza d’organo e lo shock.
Il lavoro di McArdle et al (DOI: 10.1056/NEJMoa2102968) rappresenta, ad oggi, uno degli studi più rilevanti nel campo. Gli autori hanno analizzato i dati di 614 pazienti con sospetta MIS-C (490 confermati secondo i criteri WHO) provenienti da 32 paesi diversi allo scopo di comparare l’efficacia di una terapia con le sole immunoglobuline somministrata per via endovenosa (IVIG), usate come riferimento, alle immunoglobuline + terapia corticosteroidea (IVIG + cortisone) ed alla terapia steroidea da sola.
I risultati sono piuttosto chiari nel descrivere come non vi sia differenza nella progressione a malattia severa (definita come necessità di assistenza ventilatoria, terapia con inotropi o morte), nella riduzione della severità di malattia (definita decremento di 2 punti di uno score specifico) e nel tempo di guarigione nei tre gruppi di trattamento.
Nelle sub-analisi condotte sui paziente con diagnosi di MIS-C confermata dai criteri WHO, è stato riscontrato un modesto beneficio della sola terapia corticosteroidea in confronto alla terapia con IVIG, mentre il gruppo con terapia combinata IVIG + corticosteroidi mostrava ridotti tassi di ricorso a terapie di seconda linea rispetto agli altri due gruppi. D’altra parte, i gruppi trattati con un singolo farmaco hanno presentato alti tassi di escalation a trattamenti addizionali, probabilmente per mancata risposta iniziale, severità della malattia ed elevata propensione ad aggiungere farmaci qualora il trattamento iniziale ne prevedesse uno solo. Questa scelta è anche probabilmente legata alla difficoltà di distinguere tra MIS-C e malattia di Kawasaki, per cui un trattamento che non includa IVIG potrebbe ritardare la guarigione e aumentare il rischio per aneurismi coronarici.
Nonostante i risultati riportati non permettono di trarre conclusioni definitive, lo studio rappresenti un importante passo verso la definizione del migliore approccio terapeutico alla MIS-C.

Altre News

SARS-CoV-2 e Malattia Auto-infiammatoria Sistemica Kawasaki-like

Epidemiologia e gestione delle artriti settiche e delle osteomieliti in età pediatrica: uno studio spagnolo multicentrico

Nuove linee guida per il trattamento della TB latente: raccomandazione dal National Tuberculosis Controllers Association e CDC, 2020.

Un’infezione da enterovirus potrebbe essere la causa scatenante della celiachia

Troppa vancomicina non fa bene!

Piazza Pio XI, 62, 00165 Roma, Italia
Tel: 06.45491195
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P. IVA: 08313330964
C.F.: 96364730588


Copyright © 2021 SITIP. All Rights Reserved.