SARS-CoV-2 e Malattia Auto-infiammatoria Sistemica Kawasaki-like

News Covid

Maggio 20, 2020

Verdoni e collaboratori hanno recentemente pubblicato su The Lancet i risultati di uno studio retrospettivo (Gennaio 2015 – Aprile 2020)

condotto su pazienti affetti da sindrome infiammatoria Kawasaki-like diagnosticati prima e dopo l’epidemia da COVID-19 presso il reparto di Pediatria Generale dell’Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo. Tutti i pazienti identificati e reclutati hanno effettuato terapia con immunoglobuline per via endovenosa.

Il primo gruppo comprendeva 19 pazienti diagnosticati tra il 1 Gennaio 2015 e il 17 febbraio 2020 [età media 3 anni (SD 2.5)]; il secondo gruppo comprendeva 10 pazienti diagnosticati tra il 18 Febbraio 2020 e il 20 Aprile 2020 [età media 7.5 anni (SD 3.5)].

I pazienti afferenti al secondo gruppo hanno ricevuto diagnosi di infezione da SARS-CoV2 mediante riscontro di positività al tampone naso-orofaringeo (2 pazienti su 10) e di sierologia qualitativa positiva per IgG, IgM o entrambe mediante uso di test rapido (8 pazienti su 10). La metà dei pazienti afferenti al gruppo 2 ha presentato una forma classica di Malattia di Kawasaki, l’altra metà una forma incompleta.

Nello stesso gruppo, la presenza di ipotensione e di segni clinici di ipoperfusione è stata riscontrata nel 50% dei pazienti, classificati pertanto come KDSS (Kawasaki Disease Shock Syndrome). Il 50% dei pazienti ha presentato una Sindrome da Attivazione Macrofagica (MAS) come complicanza.

Inoltre, nel 50% dei casi, la radiografia del torace ha evidenziato la presenza di minimi infiltrati mono- o bilaterali. In due di questi è stata effettuata una TC del torace che ha confermato il riscontro di polmonite interstiziale.

Il confronto tra i due gruppi ha mostrato una differenza statisticamente significativa (p<0.01) nell’incidenza della malattia aumentato di oltre 30 volte rispetto al gruppo di controllo negli anni precedenti (gruppo 1 vs gruppo 2, 0.3 vs 10 per mese), nell'età media (3 vs 7.5 anni), nella frequenza di coinvolgimento cardiaco (2/19 vs 6/10), di KDSS (0/19 vs 5/10), di MAS (0/ 19 vs 5/10), e nella necessità del ricorso a trattamento con steroidi (3/19 vs 8/10).

Ormai da diverse settimane si discute a livello internazionale (prima segnalazione degli Inglesi) della possibile correlazione tra infezione acuta o recente da SARS-CoV-2 ed insorgenza di una malattia auto-infiammatoria sistemica assimilabile alla Malattia di Kawasaki. Questo primo report ’ dimostrerebbe senza dubbio un aumento dell’incidenza di malattie infiammatorie sistemiche Kawasaki-like nel periodo pandemico in una zona al altissima endemia di COVID-19, e mostrerebbe inoltre alcune caratteristiche peculiari di qusta forma possibilmente associata all’infezione da SARS-CoV-2: maggiore severità ed età di insorgenza, coinvolgimento cardiaco più frequente, scarsa rispsota al trattamento di prima line con IGEV e necessità di trattamento con terapie anti-infiammatorie sistemiche (steroidi ed anticorpi monoclonali)

Referenza: Verdoni L, Mazza A, Gervasoni A, Martelli L, Ruggeri M, Ciuffreda M, Bonanomi E, D'Antiga L. An outbreak of severe Kawasaki-like disease at the Italian epicentre of the SARS-CoV-2 epidemic: an observational cohort study. Lancet. 2020 May 13. doi: 10.1016/S0140-6736(20)31103-X. [Epub ahead of print] PubMed PMID: 32410760; PubMed Central PMCID: PMC7220177.

Altre News

Emergenza morbillo

Aggiornamento ESPID sui pattern di resistenza della malaria e sulle opzioni terapeutiche

Contributo su studio Nature Medicine

The Cast of Corona Talked New Season, Old Habits and Why the Queen Thought the Pilot Was Hilarious

Un metodo pratico per identificare i neonati e lattanti ( 60 giorni) febbrili con basso rischio di infezioni batteriche gravi.

Piazza Pio XI, 62, 00165 Roma, Italia
Tel: 06.45491195
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P. IVA: 08313330964
C.F.: 96364730588


Copyright © 2021 SITIP. All Rights Reserved.