Terapia antibiotica della polmonite in setting a rischio: prolungare la terapia non fornisce nessun vantaggio a breve-medio termine.

News dalla letteratura

Maggio 16, 2022

Ottimizzare la durata della terapia antibiotica, mantenendo invariato l’outcome clinico, è uno dei pilastri dell’antimicrobial stewarship. Negli ultimi anni, si è assistito ad un progressivo incremento delle evidenze che supportano terapie antibiotiche di breve durata nelle infezioni dell’età pediatrica. Lo studio di McCallum et al. si focalizza sulla terapia antibiotica di bambini ad alto rischio ricoverati per polmonite di comunità.

Gli sperimentatori presentano in primi risultati di uno studio multicentrico randomizzato controllato svolto in 324 bambini di 3 mesi – 5 anni residenti in contesti a rischio in Australia, Nuova Zelanda e Malesia, e ricoverati polmonite comunitaria non complicata, con sintomi da meno di 7 giorni e conferma radiologica.

Tutti i pazienti hanno ricevuto terapia antibiotica endovenosa nei primi 1-3 giorni di ricovero per poi switchare a 3 giorni di Amoxicillina-clavulanato (80 mg/kh/die in 2 dosi). Successivamente lo studio prevedeva l’assegnazione a due gruppi di studio differenti: uno continuava la terapia antibiotica orale in atto fino a completamento di 13-14 giorni totali, e l’altro era assegnato a placebo.

La proporzione di bambini che dimostravano una completa risoluzione dei sintomi respiratori dopo 4 settimane (outcome principale) era sovrapponibile nei due gruppi di trattamento: 127 (77.9%) bambini con terapia prolungata vs 131 (81.3%) assegnati a terapia standard (RR for cure = 0.96 [95% CI = 0.86–1.07]). A parità di efficacia clinica, va sottolineato che nel gruppo con terapia antibiotica prolungata, il 26.4% dei bambini ha dimostrato almeno un evento avverso (principalmente diarrea e vomito), rispetto al 19.9% dei bambini assegnati a terapia standard.

Anche in setting in cui la prevalenza di sintomi respiratori cronici, come tosse e wheezing, e la riduzione della funzione polmonare sono complicanze frequenti di polmonite, un trattamento antibiotico prolungato di 13-14 giorni non è correlato con maggiore beneficio rispetto alla terapia antibiotica standard di 5-6 giorni.

McCallum GB, Fong SM, Grimwood K, Nathan AM, Byrnes CA, Ooi MH, Nachiappan N, Saari N, Morris PS, Yeo TW, Ware RS, Elogius BW, Oguoma VM, Yerkovich ST, de Bruyne J, Lawrence KA, Lee B, Upham JW, Torzillo PJ, Chang AB. Extended Versus Standard Antibiotic Course Duration in Children <5 Years of Age Hospitalized With Community-acquired Pneumonia in High-risk Settings: Four-week Outcomes of a Multicenter, Double-blind, Parallel, Superiority Randomized Controlled Trial. Pediatr Infect Dis J. 2022 Apr 25.

Altre News

Esecuzione delle emocolture per batteri anaerobi nei bambini con sospetta sepsi afferenti nei pronto soccorsi pediatrici

Trattamento dell’infezione tubercolare latente in età pediatrica: primi risultati favorevoli per un regime terapeutico più breve

Terapia di prima linea nelle MIS-C. IVIG, cortisone o entrambi?

Dolutegravir come prima o seconda linea terapeutica per l’infezione da HIV-1 nella popolazione pediatrica

Schistosomiasi: progressi verso gli obiettivi globali 2020-2025.

Piazza Pio XI, 62, 00165 Roma, Italia
Tel: 06.45491195
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P. IVA: 08313330964
C.F.: 96364730588


Copyright © 2021 SITIP. All Rights Reserved.